Cosa considerare nella scelta di una bici elettrica da montagna

Cosa considerare nella scelta di una bici elettrica da montagna

La mobilità sostenibile è un aspetto su cui i Governi stanno puntando moltissimo, soprattutto negli ultimi mesi. Anche a causa della pandemia globale da Coronavirus, le persone hanno dovuto ripensare il modo in cui spostarsi, in modo da evitare mezzi pubblici affollati dove il virus potrebbe circolare più facilmente. Per questo mezzi come bici e monopattini (ma anche un rinnovato car-sharingsi stanno diffondendo moltissimo. Non solo per gli spostamenti nelle città: anche chi vuole andare a fare una gita fuori porta non può non apprezzare la comodità di un mezzo nuovo e, soprattutto, ecosostenibile. Uno dei mezzi a due ruote più richiesti sul mercato della mobilità alternativa, non a caso, è la bici elettrica da montagna. Se un tempo non c’era la comodità di godere della pedalata assistita e le gite in alta quota con la bici erano riservate solo a fisici molto allenati, adesso con questo tipo di mezzo, fare le salite sarà molto più semplice.

I vantaggi della bici elettrica da montagna

Perché un modello da montagna e non una generica bici elettricaInnanzitutto, perché, avendo la pedalata assistita, la userete molto di più rispetto a una bici classica. Sembra incredibile, eppure diversi studi hanno dimostrato che chi possiede una e-bike fa più attività fisica rispetto a chi ha una bici a pedalata interamente muscolare. Il motivo è semplice: in condizioni più impervie come quelle di percorsi in montagna, si fatica meno e si è molto più invogliati a prenderla. Di conseguenza, anche se lo sforzo per la pedalata è minore, il tempo di esercizio complessivo è maggiore.

Scegliere una mountain bike a pedalata assistita permette anche a chi non è un professionista o un veterano delle escursioni di poter partecipare a gite e godere della bellezza dei sentieri nella Natura. Avere un e-bike non vuol dire non faticare. Le bici non si spostano da sole; pedalare è d’obbligo, in certi tratti anche con un po’ di sforzo, ma di certo non sentirete la stessa fatica che con una mountain bike normale.

Come scegliere un’e-bike

Cosa bisogna valutare nella scelta di un’e-bike? La prima cosa avere le idee chiare sulle finalità di uso? Se si cerca una bici elettrica da città bisogna orientarsi su un tipo di modello, se si cerca una bici per le escursioni in montagna su un altro. E anche in quest’ultimo caso bisogna essere bene attenti a scegliere un tipo di mezzo che corrisponda alle proprie esigenze e al tracciato che si vuole percorrere.

La BE05 Graziella Genio Pieghevole

Uno dei modelli più richiesti e amati di bici elettrica da montagna (ma non adatta ad alte quote) è la BE05 Graziella Genio Pieghevole. Ispirata alla famosa e storica bici da passeggio, è un mezzo indicato per chi non si sposta solo con la bicicletta ma anche su altri mezzi. Si tratta di un modello leggero e pieghevole che può essere trasportato in macchina senza occupare troppo spazio.

La E-Spike Evo

Un altro modello da prendere in considerazione nella scelta delle E-Bike è la E-Spike Evo. Questo è un tipo di bici elettrica da montagna molto versatile, adatta per il trekking, ma anche per le passeggiate. È quindi performante sia per la città sia per le gite fuori porta, ed è perfetta per i tratti medio-lunghi.

La E-Sleek Motore Centrale 27,5

Se cercate il top delle bici, allora la vostra scelta deve ricadere assolutamente sulla MTB elettrica. Si tratta di un vero e proprio gioiellino per chi ama la montagna e vuole un mezzo a due ruote che sia in grado di reggere anche le sfide più ardue. La E-Sleek Motore Centrale 27,5 è il mezzo sportivo perfetto per muoversi su percorsi off-road. Adatta a ogni tipo di terreno, vi farà vivere esperienze indimenticabili.