Contatore

Se il cliente ha motivo di ritenere che il proprio contatore non funzioni correttamente, può richiedere al Gruppo Hera una verifica dello strumento chiamando il Numero verde 800999500, recandosi presso uno degli sportelli Hera sul territorio o inviando la richiesta via posta al seguente indirizzo: Hera Comm, Servizio Clienti, Via Molino Rosso 8, 40026 Imola (Bo), o via fax al 0542 368165.
Prima di rivolgersi all’azienda, è consigliabile però effettuare una prima verifica: chiudendo i rubinetti o gli interruttori degli apparecchi utilizzatori della fornitura sarà infatti possibile controllare se il contatore rileva comunque un consumo. In questo caso il maggior consumo è imputabile alla rottura dell’impianto privato e non al cattivo funzionamento del contatore.
Richiesta, invece, la verifica, il contatore può essere sostituito e inviato presso un laboratorio qualificato. Se il controllo accerterà il malfunzionamento, il Gruppo Hera non addebiterà al cliente alcun costo e rimborserà i consumi eccedenti dall’ultima lettura reale fatturata alla data della verifica. Se il funzionamento del contatore dovesse viceversa risultare regolare, spetterà al cliente pagare il costo della prova suddetta. Il costo varia in base al servizio e, nel caso del Gas, alla tipologia del contatore.
 
Chiedere una verifica del contatore gas
Se il cliente ha motivo di ritenere che il proprio contatore non funzioni correttamente, può richiedere al Gruppo Hera una verifica dello strumento chiamando il Numero verde 800.999.500, recandosi presso uno degli sportelli Hera sul territorio o inviando la richiesta via posta al seguente indirizzo: Hera Comm, Servizio Clienti, Via Molino Rosso 8, 40026 Imola (Bo), o via fax al 0542 368165.
Prima di rivolgersi all'azienda, è consigliabile però effettuare una prima verifica: chiudendo i rubinetti o gli interruttori degli apparecchi utilizzatori della fornitura sarà infatti possibile controllare se il contatore rileva comunque un consumo. In questo caso il maggior consumo può essere imputabile a problematiche dell’impianto e/o agli apparecchi collegati (caldaia, scaldabagno ecc.) e non al cattivo funzionamento del contatore.

Richiesta, invece, la verifica, il contatore verrà sostituito e inviato presso un laboratorio qualificato. Se il controllo accerterà il malfunzionamento, il Gruppo Hera non addebiterà al cliente alcun costo e rimborserà i consumi eccedenti dall'ultima lettura reale fatturata alla data della verifica. Se il funzionamento del contatore dovesse viceversa risultare regolare, spetterà al cliente pagare il costo della prova suddetta. Il costo varia in base al servizio e, nel caso del Gas, alla tipologia del contatore.
L'illeggibilità o il malfunzionamento del contatore possono essere altrimenti rilevati dagli stessi tecnici di Hera in occasione delle periodiche letture. In tal caso, gli operatori provvederanno a segnalare il problema all'azienda, che è tenuta a pulire o eventualmente a sostituire il contatore.

Chiedere una verifica del contatore elettrico 
Se il cliente ha motivo di ritenere che il proprio contatore non funzioni correttamente può richiedere una verifica dello strumento contattando Hera Comm.

Il Distributore territorialmente competente, effettua la verifica sul posto o tramite sostituzione del contatore e invio presso un laboratorio qualificato. Se la verifica accerta un errore in misura superiore a quella prevista dalla normativa tecnica vigente, il Distributore territorialmente competente ricostruisce i consumi effettivi e sostituisce gratuitamente il contatore. Se la verifica accerta che il contatore funziona correttamente, il Distributore territorialmente competente applica al cliente, ai sensi dell’Allegato C alla Delibera 654/2015 dell’Autorità per l’Energia elettrica il Gas e il sistema idrico, un importo attualmente pari a 48,69 euro + IVA (ma soggetto a variazione per provvedimenti dell’AEEGSI). Tale importo sarà fatturato in bolletta da Hera Comm.

Prima di richiedere la verifica è consigliabile effettuare la seguente verifica: chiudendo gli interruttori degli apparecchi utilizzatori della fornitura è possibile controllare se il contatore rileva comunque un consumo. Se lo rileva, il maggior consumo può essere imputabile a problematiche dell’impianto e/o agli apparecchi collegati e non al cattivo funzionamento del contatore.