Cos'è e come ottenere il Bonus Luce e Gas

Cos'è e come ottenere il Bonus Luce e Gas

Il Bonus Luce e Gas è un’agevolazione da richiedere al proprio fornitore di energia elettrica e gas. Si tratta di un bonus istituito dal Governo dal 2009 e reso esecutivo dall'Autorità amministrativa deputata, con la cooperazione dei Comuni. L’intento è offrire un sostegno per affrontare meglio la spesa di energia elettrica ad alcune categorie sociali in possesso di determinati requisiti.

Che cos’è il Bonus energia e come funziona

L’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA) è l’autorità amministrativa che si occupa di indicare gli orientamenti che delineano il funzionamento del sistema per l’erogazione dello sconto in bolletta. C’è una importante novità che riguarda il Bonus Gas e Luce: dal 2021 sarà automatizzato e verrà eseguito, verso gli aventi diritto, senza necessità di inoltrare la richiesta. Si tratta di modalità che potrà agevolare anche i numerosi soggetti che in passato, pur avendone la possibilità, non hanno potuto usufruirne.

Bonus elettrico: a chi spetta?

Come per ogni agevolazione, anche per accedere al Bonus sociale su energia e gas sono previsti determinati requisiti fra i quali alcuni parametri economici. Il bonus è, infatti, previsto per:

- famiglie in difficoltà economica

- famiglie con disagi fisici

- nuclei familiari numerosi

Bonus Luce e Gas: i requisiti economici 

Il bonus riguarda tutti coloro che sono intestatari di una fornitura elettrica per l'abitazione di residenza e che rientrano in alcune condizioni di “disagio economico”. Dunque, non è pensato per imprese, ditte individuali, professionisti etc.
Questi i parametri:

- famiglie con un ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) che non supera gli 8.265 euro;

- famiglie numerose, con più di 3 figli a carico e con ISEE non superiore a 20.000 euro;

- titolari di Reddito di Cittadinanza (Rdc) o Pensione di cittadinanza (Pdc).

Come evidenziato dall’ARERA, i titolari di Rdc possono usufruire del Bonus elettrico, gas e idrico anche con un ISEE al di sopra degli 8.265 euro. I beneficiari devono avere installato nella propria casa un contatore elettrico fino a 3 kW, per un numero di persone residenti fino a 4; oppure fino a 4,5 kW per un numero di persone residenti superiori a 4.

Bonus energia per disagio fisico

L’agevolazione riguarda anche chi è soggetto a gravi condizioni di salute, nei casi in cui una malattia richieda l'uso di apparecchiature mediche (elettromedicali) per il mantenimento in vita della persona le quali si alimentano con energia elettrica. Il bonus è così esteso a tutti i componenti del nucleo familiare, ma è necessario avere una documentazione fornita dall’ASL che certifichi l’esigenza dell’utilizzo delle apparecchiature. Il bonus sociale per disagio economico e quello per disagio familiare sono cumulabili, presentando la documentazione richiesta. 

Bonus luce e gas: scadenza per le domande 2020

Anche se il 2020 volge al termine, è ancora possibile accedere al bonus, presentando la domanda presso il Comune di residenza oppure presso un CAAF.
Cosa occorre per la procedura richiesta? L’ARERA ad esempio, fornisce tutti i dettagli e la modulistica necessaria sul suo sito, sia per il Bonus elettrico che per il Bonus Gas. Questa va integrata con una attestazione ISEE valida, copia del documento di identità, dati relativi alla fornitura di luce e gas, etc. Il bonus sarà visibile direttamente in bolletta, sotto forma di sconto.
Per quanto riguarda le tempistiche, invece, il Bonus sociale richiesto per cause di disagio economico ha una durata di 12 mesi, al termine dei quali va rinnovata la richiesta, da effettuare almeno un mese prima della sua scadenza. Invece, il bonus per disagio fisico viene concesso con continuità nel caso in cui siano utilizzate delle apparecchiature mediche. Come accennato in precedenza, a partire dal 1° gennaio 2021 le agevolazioni del Bonus Luce e Gas, verranno attribuite in automatico ai contribuenti in possesso dei requisiti richiesti. Si attendono i provvedimenti dell’ARERA sulle tempistiche e le modalità.