Crediti di carbonio: cosa sono e come ottenerli

Crediti di carbonio: cosa sono e come ottenerli

Ormai è evidente come lo sviluppo sostenibile rappresenti un problema globale: le attività umane sono completamente connesse tra loro su scala mondiale. Per questo motivo sono stati ideati i crediti di carbonio, un sistema che consente ad aziende e Istituzioni di compensare le emissioni di anidride carbonica, promuovendo progetti zero carbon in tutto il mondo, con l’obiettivo di raggiungere la carbon neutrality.
Introdotti con il Protocollo di Kyoto del 2005, poi confermati dagli Accordi di Parigi nel 2015, i progetti promossi tramite i crediti di carbonio sono incentrati su una serie di obiettivi globali condivisi, tra cui:

- città e comunità sostenibili;

- lotta ai cambiamenti climatici;

- impiego delle energie rinnovabili;

- consumo responsabile;

- protezione della fauna acquatica e terrestre.

Cosa sono i crediti di carbonio e cosa servono

I crediti di carbonio, o carbon credits, sono uno strumento per la lotta all’inquinamento e il sostegno di uno sviluppo sostenibile, una strategia incentrata sulla condivisione, la collaborazione e la partecipazione. La tutela dell’ambiente è un problema che riguarda tutto il mondo, una sfida complessa che interessa ogni azienda, cittadino e istituzione pubblica per il raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione.
In particolare, i crediti di carbonio certificati rappresentano un titolo con il quale le aziende possono ridurre l’impatto ambientale delle loro attività, supportando progetti nazionali e internazionali di sviluppo sostenibile. Ciò consente di compensare le emissioni bilanciandole con altre iniziative di tutela ambientale, soprattutto nelle aree povere e disagiate del Pianeta.

Come funzionano e come ottenerli

Il funzionamento dei crediti di carbonio ha inizio dalla misurazione delle emissioni prodotte da un’azienda. Un’analisi realizzata secondo severi standard internazionali. In seguito, l’impresa può decidere come intervenire, riducendo quanto più possibile le emissioni e convertire la parte rimanente in carbon credit. L’ azzeramento dell’impatto delle attività aziendali è infatti impossibile.
A questo punto i crediti di carbonio vengono certificati da apposite associazioni internazionali. Le aziende possono ricorrere a questi strumenti per promuovere progetti green di sostenibilità ambientale nei Paesi in via di sviluppo. La certificazione prevede vari livelli, tra cui gli standard Gold, VSC e CDM, attraverso i quali favorire la decarbonizzazione su scala globale e ridurre il divario tra i Paesi ricchi e quelli più poveriIn questo modo le imprese possono mitigare gli effetti delle attività le cui emissioni non sono ulteriormente riducibili, con strumenti finanziari per offrire benefici sociali, ambientali ed economici su larga scala rivolti alle zone del Pianeta più povere. L’ obiettivo è fermare l’eccessivo sfruttamento delle risorse della Terra, affinché sia possibile uno sviluppo compatibile con i tempi di rigenerazione delle risorse stesse.

La situazione in Italia

Nel nostro Paese i crediti di carbonio non sono ancora una strategia ampiamente condivisa e conosciuta. Tuttavia, negli ultimi anni si è registrata una maggiore sensibilizzazione da parte delle Istituzioni e delle aziende sull’importanza della riduzione delle emissioni di CO2. Ad esempio il CREA, il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria, ha proposto il programma Rilancio Italia 2020-2022 per la diffusione in Italia del Green Deal europeo.

Il documento evidenzia l’urgenza di proseguire nella direzione intrapresa con altre iniziative, tra cui il Codice Forestale del Carbonio (CFC), attraverso la creazione di un Registro nazionale dei crediti di carbonio generati da progetti forestali e agricoli. In questo modo si potrebbe valorizzare l’impegno delle aziende e dei cittadini nella responsabilità ambientale, favorendo la riduzione dell’impronta carbonica residua.

L’impegno di Hera Comm per la riduzione delle emissioni inquinanti

Uno degli obiettivi del sistema dei crediti di carbonio è il taglio delle emissioni inquinanti, per incentivare l’utilizzo di energia pulita realizzata da fonti rinnovabili e sostenere iniziative green non solo in Italia, ma in tutto il mondo. Hera Comm propone da anni soluzioni innovative per ottimizzare i crediti di carbonio, infatti tramite l’offerta luce e gas Hera Impronta Zero sovvenziona diversi progetti internazionali di abbattimento dell’effetto serra.
In particolare, le emissioni di CO2 vengono compensate dall’acquisto di crediti di carbonio certificati, con i quali vengono sostenute diverse iniziative ecologiche. Una di queste è Hydro India, con la costruzione di una nuova centrale idroelettrica da 4.500 GWh per una potenza massima di 1.000 MW, omologata con lo standard VCS. Attraverso l’impianto Hera Comm aiuterà l’India settentrionale a produrre energia in modo sostenibile, evitando l’immissione di oltre 3 milioni di tonnellate di CO2 nell’atmosfera e promuovendo lo sviluppo sociale ed economico di questa zona del Paese.
Un altro progetto sostenuto da Hera Comm con i crediti di carbonio si chiama Süleoğlu Wind Power Plant, certificato con lo standard Gold per la realizzazione di un impianto eolico in Turchia di produzione di energia elettrica green, con l’installazione di una capacità complessiva di 66 MW per generare 200 GWh e garantire una riduzione di oltre 11 mila tonnellate di CO2 ogni anno.